L’inglese dei ragazzi a scuola. Cosa manca?

Di che si tratta

“L’inglese non mi piace!”. Perché per molti ragazzi lo studio dell’inglese è un’esperienza che si eviterebbe volentieri? A scuola, è una materia spesso affrontata con disagio. Sembra mancare, di fatto, esattamente ciò che serve per imparare in maniera efficace qualsiasi cosa: la motivazione giusta. E se ci fidassimo di strategie diverse?

inglese noioso
Fonte: helendoron.it/branch/ascoli

Che cosa manca a scuola?

Dalle testimonianze raccolte dagli adolescenti che conosciamo quotidianamente al nostro Learning Centre Helen Doron® English di Ascoli Piceno, ci risulta che per molti di loro l’inglese è una materia scolastica da studiare (e basta!), affrontata con disagio. Sembra mancare esattamente ciò che serve per imparare in maniera efficace qualsiasi cosa: la motivazione giusta.

I loro stessi genitori, spesso, hanno brutti ricordi della loro esperienza di studenti e definiscono il proprio inglese “scolastico”.

Che cos’è l’inglese scolastico?

Fonte: pixabay.com

Alla domanda “Parli inglese?”, spesso molti di noi adulti non rispondiamo semplicemente “Sì”, ma mettiamo le mani avanti: “Sì, be’, diciamo … un inglese scolastico!”. Ha tutta l’aria di una giustificazione (Excusatio non petita, accusatio manifesta!).

Che significa “inglese scolastico”? Esistono numerose varietà di inglese contemporaneo: il britannico, l’americano, l’australiano, lo scozzese, il sudafricano, il cockney  londinese, … (se sei interessato a saperne di più, puoi leggere un utile e agile volumetto: Matteo Santipolo, Le varietà dell’inglese contemporaneo, Carocci 2006).

Ma questo “inglese scolastico” dove si parla? E come suona?

Diciamocelo: definiamo così il nostro inglese quando non ci sentiamo sicuri. Se è così, questo non fa onore alla scuola.

L’inglese a scuola

Osservando alcuni aspetti del sistema educativo italiano, emerge la tendenza alla staticità del modello didattico “frontale”. Si richiede cioè ai ragazzi di restare seduti al banco per un certo numero di ore – possibilmente in silenzio, grazie, – focalizzando la propria attenzione sulle spiegazioni dell’insegnante, e parlando “solo se interrogato”.

Sembrano ancora attuali, insomma, le illuminate riflessioni di Domenico Starnone, Solo se interrogato. Appunti sulla maleducazione di un insegnante volenteroso (Feltrinelli 1995).

E se ci fidassimo di strategie diverse?

I programmi Helen Doron® English, sviluppati appositamente per coinvolgere gli adolescenti, ribaltano la prospettiva più tradizionale spostando il focus dall’insegnante allo studente. Ormai da decenni le metodologie didattiche derivate dagli approcci comunicativi e umanistico-affettivi forniscono gli strumenti necessari a un lavoro in aula più efficace.

Tutti noi insegnanti lo sappiamo, ma lo facciamo?

“Tell me and I forget. Teach me and I may remember. Involve me and I learn” (Benjamin Franklin)

Teen English: Seriously Fun

helen doron teen english
Fonte: helendoron.it/branch/ascoli

I corsi “Teen English” – basati sui livelli da A2 a B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue – sono pensati per coinvolgere attivamente i ragazzi con materiali didattici studiati per suscitare l’interesse di un adolescente e con attività mirate a stimolare l’abilità linguistica che più manca a noi italiani: l’inglese parlato.

Ne ho scritto in questo articolo pubblicato sul blog di Helen Doron Ascoli Piceno: “Come va con l’inglese a scuola?“.

Ad Ascoli Piceno, tutti i lunedì dalle 16.00 alle 17.30, noi proponiamo il corso Teen Talent (livello A2) a ragazzi nati fra il 2003 e il 2004.

Contatta Helen Doron Ascoli Piceno