Annalisa Di Salvatore

Annalisa Di Salvatore

Eccomi qui, piacere di conoscerti!

Cosa ci faccio qui (e perché ci sei anche tu)

La scrittura pubblicitaria mi è capitata. È così. Nessuna vocazione precoce al riguardo; nessuna aspirazione a lavorare nel mondo del marketing e della comunicazione d’impresa; nessuna dichiarazione d’amore illuminata da una volontà chiara come: «Ho sempre voluto con tutte le mie forze fare la copywriter». Ho sempre voluto con tutte le mie forze scrivere, sì, e l’ho fatto anche, ma questo non basta per lavorare come copywriter.

Capitolo 1

Non avevo la formazione e l’esperienza più adatte a lavorare come copywriter, forse.

Avevo nel mio curriculum: una laurea in lettere, troppe specializzazioni in didattica delle lingue, una curiosità smodata verso la sociolinguistica, un battesimo professionale come insegnante di italiano per stranieri nelle università di Roma, dove ho lavorato per cinque anni correndo da un’aula all’altra, e infine la pubblicazione di un saggio accademico per la ricerca glottodidattica. Cose serie.

Sembrava che l’itinerario del mio viaggio fosse chiaro, a me e a chi mi incoraggiava a proseguirlo. Non lo era.

Capitolo 2

Nel 2015 mi ritrovo ad Ascoli Piceno, senza capire bene come, nel ruolo di manager del Centro Helen Doron® English, un marchio del gruppo Helen Doron Educational Ltd. che distribuisce in tutto il mondo programmi di insegnamento dell’inglese come seconda lingua a bambini e ragazzi. Invece di insegnare, quindi, dirigo. Cioè vendo, è quello che devo fare.

Durante questa esperienza, mi concentro soprattutto sulla comunicazione pubblicitaria e scrivo tutto, davvero tutto, quello che mi capita fra le mani: testi per pagine di siti web, blog post, headline, report, case study, post di pagine Facebook, newsletter, brochure, pay-off e rognosi pulsanti Call-To-Action.

Vado in crisi.

Capitolo 3

Avevo sempre avuto un rapporto felice con la scrittura narrativa, ma quella è un’altra cosa. Io scrivevo racconti e leggevo romanzi. Qui, con le parole e con i fatti, c’era da ricominciare quasi da capo. Scrivendo, studiando, sbagliando, osservando gli altri, capisco che quello che sto facendo, e che mi piace pure un bel po’, assomiglia al lavoro del copywriter.

Allora mi rendo conto di essere rimasta fedele all’uso consapevole e strategico delle parole, e all’artigianato della scrittura. Decido di farlo in maniera più seria, quindi studio tanto, faccio pratica e comincio a scrivere per aiutare le imprese a vendere la loro storia. Questo è quello che faccio adesso.

Se dovessi smettere per fare un altro lavoro, porterei con me la scrittura, unico interesse costante capace di coinvolgermi davvero (per davvero, eh).

Quindi

Più o meno, è tutto. Se c’è altro da sapere su di me, è questo: sono sempre sicura di avere dubbi quando scrivo e di non saperne mai abbastanza. Rimetterei le mani all’infinito su un testo che ho scritto. In effetti, se il testo è per me, lo faccio. Se il testo è per te, non lo faccio perché rispetto le scadenze di consegna che abbiamo concordato insieme e perché c’è un limite al numero di revisioni incluse nel mio preventivo. Però una frase scritta male può togliermi il sonno.

Se vuoi conoscere il mio curriculum completo e dettagliato, chi, cosa, dove, quando, come e perché, trovi tutto su LinkedIn. I miei lavori, li trovi nel portfolio.

Qui, sei sul divano di casa mia. Ci sono una lampada accesa a illuminare la nostra conversazione, il Concerto di Colonia di Keith Jarrett in sottofondo, e profumo di caffè nell’aria. Se non ti piace il caffè, ho una collezione di tè, infusi, tisane, e qualche ottimo alcolico.

Adesso raccontami la tua storia

La tua storia, o quella della tua impresa – difficile tenerle separate: c’è un po’ dell’una nell’altra.

Tu dammi informazioni, un’immagine, una faccia, una scena, il tuo valore da raccontare.

Io ti ascolto. Aiutami più che puoi a capire chi sei e cosa fai. Poi mi metto a giocare con le parole: compongo, scompongo, sposto, elimino. Infine, osservo insieme a te se quello che mi hai detto, o mostrato, è diventato un testo fedele alla tua essenza e alla tua intenzione.